Itinerario Paesaggistico n. 4

Bordighera - Rocchetta Nervina

Da Bordighera, seguendo l'Aurelia, dopo 4 km si devia in Val Nervia, dove in breve si tocca Camporosso (bel nucleo storico) e Dolceacqua (km 11) annunciata dal celebre ponte e dall'incombente Castello dei Doria.

Poco oltre, si devia a sinistra nella valle bagnata dal Torrente Barbaira con vista bellissima sul corso del torrente che scorre in basso a destra e, in breve, si giunge a Rocchetta Nervina (km 17).

 

 

 

ESCURSIONE 1: lungo il corso del Rio Sgorea
(trekking)

A Rocchetta Nervina (m 220), si cerca la Via San Bernardo che - trasformandosi in mulattiera selciata - esce dal paese e, tenendosi in alto, si addentra nel vallone offrendo suggestivi scorci sul Torrente Sgorea.

Dopo circa 2 km (intorno a quota 450 metri circa), una deviazione sulla sinistra ci porta in breve a Ponte Cin (m 431).

Sono circa 300 metri di dislivello complessivi percorribili in 2 ore e 30 minuti (andata e ritorno).

ESCURSIONE 2: lungo il corso del Rio d'Oggia
(trekking)

A Rocchetta Nervina (m 220 circa), si individua a destra l'imbocco del Vallone bagnato dal Rio d'Oggia e, attraverso Via Santa Lucia, si arriva presto all'omonima chiesetta campestre (m 263).

Dopo meno di dieci minuti si incontra il Ponte di Santa Lucia (m 270) sul Rio d'Oggia.

La bella mulattiera lastricata continua a percorrere il vallone sempre nei pressi del corso d'acqua spumeggiante e dopo neppure 5 minuti ci offre la vista di un altro bel ponte (m 280) sul Rio Castagna in prossimità della sua confluenza col Rio d'Oggia.

Altri 20 minuti e si raggiunge, a quota 380 metri, un altro ponte sempre sul Rio d'Oggia.

A questo punto, a meno che non si sia in buona forma, per proseguire per il Monte Terca o il Passo di Gouta conviene ritornare a Rocchetta Nervina.

Percorso elementare di poco meno di 200 metri di dislivello percorribile in meno di 1 ora (sola andata).

In caso di acqua abbondante (nel letto del torrente) percorso grandemente suggestivo.